Avviso e Pausa dal blog

So che siete in pochi a seguirmi veramente, ma in ogni caso penso che sia giusto avvisarvi.

Mi prenderò una lunga pausa dal blog, ho bisogno di staccare la spina e pensare un po’ a me stesso.

Sono successe delle cose che hanno ridotto a pezzi la mia anima, e sfortunatamente non ho molta voglia di scrivere.

Non so quanto durerà questa pausa, ma credetemi sulla parola che ne ho veramente bisogno.

Se qualcuno avrà voglia di scrivermi può farlo su Twitter ( semmai ha un account ) o all’indirizzo email thepathofhonor@outlook.it ; chi ha il mio indirizzo email personale può scrivermi anche li.

Scusatemi per questo avviso in cui dico poco o nulla, ma come ho detto non ho molta voglia di scrivere.

A presto

Shinobi

Messaggio da “questomiomaltrattarmiinsaziabile”

Con questo post ho intenzione di avvisare tutti coloro che hanno scritto, in queste ore ad questomiomaltrattarmiinsaziabile , senza ricevere risposta.

In questo momento le sue condizioni di salute sono migliorate. Lei ,in mattinata, ha avuto un’emicrania con aura che le impediva di parlare, ma durante il corso della giornata la situazione è migliorata e ora ha bisogno di stare a riposo.

Mi manda a dirvi che vi ringrazia tutti per i massaggi che le avete mandato in queste ore e che, appena potrà, risponderà a tutti.

Vi porto i suoi saluti e le sue rassicurazioni sul suo stato di salute, mandandovi un forte abbraccio. Ritornerà, come sempre, più forte di prima

Deviazioni esterne

C’era una volta, circa 15 anni fa, un ragazzo che alle medie non ebbe modo di legare con nessuno perché…non l’ha mai saputo il perché.
Quel ragazzo entrò per la prima volta in un istituto per geometri, ma la sua mente si sentiva stretta in quell’aula, perché lui non era fatto per le cose tecniche; egli amava improvvisare, creare ed esprimere il proprio lato artistico.
Egli voleva diventare un pittore.
Si trovava in quella scuola perché i suoi genitori avevano un progetto: farlo lavorare, una volta diplomato, con suo zio; geometra già avviato e in piena attività.

Quello era il loro progetto, ma i desideri di quel ragazzo, per loro, non contavano un cazzo.

Dopo qualche giorno, egli già veniva di nuovo preso in giro. L’incubo delle medie si stava materializzando e lui non volle in alcun modo ripiombare in quel vortice.
Si disse che doveva cambiare, e passò un anno a guardare quello che gli altri facevano al solo scopo di imitarli per non essere mai più escluso. Egli scoprì la passione per il rock e per il metal, ma i pregiudizi di un paese dalla mentalità medioevale iniziarono a isolarlo:

Indemoniato! Ritardato! Vergognati ad ascoltare quella roba! Sei fulminato nel cervello! Fatti vedere da tua sorella, che è anche bona, almeno qualcosa di bello ce l’hai!!

Ogni giorno.
Lo stress fu talmente opprimente che lui un giorno, mentre tornava dal bagno, cadde a terra, svenuto, come se il cervello non ce la faceva più a sopportare quella vita, non riusciva più a sopportare di non essere accettato per quel che era.

Il ragazzo, da quel giorno, non fu mai più in grado di sopportare emozioni fortissime, e questo riempì il suo cuore di apatia, anche se in fondo era paura di essere se stesso; decise quindi di adattarsi sempre, e l’ha fatto per tanti anni, anche troppi.

15 anni dopo, quel ragazzo, non ha più gli amici per cui lui ha represso se stesso, non è più diventato geometra con suo zio.

Detta così sembra che quel ragazzo ha perso 15 anni della sua vita, per ritrovarsi con un pugno di mosche in mano.

Vi sbagliate. Tutti questi errori gli sono serviti a capire che adattarsi agli altri, presto o tardi, è uno sbaglio che può essere pagato a caro prezzo.
Lui ha pagato, ha perso tante occasioni per far valere la sua vera natura.
Nonostante tutto questo tempo, egli ora è felice, perché finalmente può ricominciare da capo e costruire una vita dove al centro ci deve essere solo lui e l’amore verso se stesso.

15 anni di errori che possono sembrare una grave fardello da sopportare, ma lui quegli errori li commetterebbe di nuovo, visto che il premio è stato riscoprire il piacere di essere se stessi e di amarsi.

Questa è stata la vittoria più importante della sua vita.

Riconosciuto un corno

Approfitto di questo spazio per dire la mia sulla montagna di Fuffa che il nostro caro Governo, targato “L’Infiltrato di Berlusca detto anche il giovanotto del Fare un cazzo che gliene frega” Renzi, vuole far passare per chissà quale rivoluzione; ancor peggio il branco di pecoroni che gli stanno dietro.

In questi giorni è passata una modifica del codice sulla conservazione dei Beni Culturali, che “Riconosce” i professionisti del settore.

Una sintesi delle modifiche la trovate qui

Il testo completo, se vi va di leggerlo, lo trovate qui che potete scaricare e consultare.

Io vedo i miei colleghi che stanno festeggiando, che si sentono valorizzati. Ma di cosa si sentono valorizzati? Che qualcuno ora dice AH SEI UN ARCHEOLOGO ISCRITTO ( eventualmente ) ALL’ALBO?

Esticazzi ci metterei vicino a una cosa del genere.

Se leggi questa fantomatica “Legge Rivoluzione”, c’è il nulla! Il nulla cosmico: non c’è un piano di investimenti nel settore, non c’è un progetto occupazionale, non c’è un intervento per le migliaia di ragazzi laureati che campano a stento e devono anche pagare la partita IVA, non c’è nessun progetto di legge connesso; mi dite che cazzo c’è da festeggiare?

Si è sancita una cosa che, a livello morale e teorica, è  già scritta negli articoli della Costituzione.

Ci voleva una legge per capire che i Beni Culturali dovevano essere gestiti da chi li conosce e li ha studiati? E’ questo quello che si festeggia? Il fatto che le istituzioni ora per dire che sei archeologo, dopo che fai esami, lauree, contro esami per fare il dottorato e scuola di specializzazione, ti chiedono di fare un Esame di Stato solo per dire SEI ARCHEOLOGO?!!?!?

Me ne frego e me ne sbatto il cazzo!

Io voglio lavorare, voglio avere l’opportunità di poter sfruttare le mie conoscenze e preservare il patrimonio artistico, non voglio essere preso per il culo!!!

Molti si giustificano: E’ IL PRIMO PASSO E GNE GNE GNE….ci sono voluti 100 anni per far sto dannato primo passo!!!

Solo i Borboni, ai loro tempi, capirono anche con i fatti, che i Beni Culturali sono importanti, portando alla luce tesori come Pompei e Ercolano che ora stanno crollando pezzo per pezzo, porca di quella miseria!!!

Ma che cazzo avete da festeggiare? Il fatto che con sta stronzata ora il PD si accaparra i voti di quegli stronzi che lo credono?

Mi salgono i nervi appena vedo le foto di qualche coglione con il cartellone scritto #riconosciuto, con tanto di hashtag sia su Facebook che su Twitter;  mi ci gioco le palle che nessuno di loro ha letto la legge!!!

Scusate le sfogo, ma mi sono stancato di essere preso per il culo da questi signori; ma quello che mi fa rabbia, è vedere la gente, messa pecora, che crede a tutto, a tutto quello che gli viene detto tramite quattro immaginette memes del cazzo su facebook.

Sto Paese dovrebbe essere inghiottito dal Mediterraneo, ma all’Italiota medio basta che gli dai il calcio è qualche gossip del cazzo su Balotelli e lo fai felice e contento.

Ammorte #4 - Gente che si è fottuta il cervello

Su Whatsapp, spesso, hai dei contatti che nemmeno tu sapevi di avere e te li ritrovi li, e puoi osservarli mentre cambiano pic o stato.

Ci sta una tizia che lavorava con me, ai tempi della pizzeria, che mi sta facendo scompisciare dalle risate: litiga tramite gli status di Whatsapp!

Avete presente quando sotto ai contatti vi compare DISPONIBILE? Ecco lei modifica quello status mettendo frasi del tipo:

1)Sei un coglione

2)Pensi che non sei buono a fare un cazzo, e allora continua a pensarlo.

3)Tu non sei degno di me

4)Io sono sempre stata sincera, tu sei uno stronzo

5) Tua madre è famosa per aver messa al mondo cretini come te

6) Quello che dici vallo a dire a tua sorella

e tanti altri ancora che cambia al ritmo di uno ogni ora.

Partendo dal fatto che questa  ha la bellezza di 38 ANNI, e ripeto 38 ANNI, l’unico commento che mi sovviene è il seguente: se una tizia, si mette a fare ste stronzate su Whatsapp, significa che ha il cervello fottuto, e di brutto anche.

Siate umani per l’amor del Cielo.

Cicatrici

Passeranno molti anni ma quelle restano sempre.

Ci puoi far poco. Le fitte che ogni tanto ti vengono li, giusto in mezzo al cuore per poi andare dritto alla mente; per farti sentire stupido, idiota, cretino, tante altre cose che non sai nemmeno tu come definire.

Il ruolo delle cicatrici non è tanto quello di farti tornare a mente vecchie emozioni, ma quella di farti venire dei rimpianti anche dove, teoricamente, non ce ne sono.

Ti fanno analizzare a mente fredda e non coinvolta ogni aspetto della vicenda che te l’ha provocata, con una lucidità che all’epoca dei fatti non ti sarebbe mai appartenuta.

Le cicatrici sono quelle cose che passano e non passeranno mai.

Col tempo faranno sempre meno male, ma avranno la caratteristica dannata di farsi sentire, in un modo o nell’altro.

Nightwish - I Wish had an Angel


Vorrei avere un angelo
Per un momento d’amore
Vorrei avere il tuo angelo stanotte

Nel bel mezzo di un giorno morente
Ho fatto un passo fuori
Un cuore innocente
Preparati ad odiarmi
Cado quando posso
Questa notte ti ferirà
Come mai prima d’ora

I vecchi amori sono duri a morire
Le vecchie bugie sono ancora più dure

Vorrei avere un angelo
Per un momento d’amore
Vorrei avere il tuo angelo
La tua Vergine Maria perduta
Sono innamorato del mio desiderio
Bruciando in cenere le ali dell’angelo
Vorrei avere il tuo angelo stanotte

Sto sprofondando così fragile e crudele
Un travestimento da ubriaco
Cambia tutte le regole

I vecchi amori…
Vorrei…

Il più grande brivido
E’ non uccidere
Ma avere il premio della notte
Ipocrita, vuoi essere un amico
Tredicesimo discepolo che
Mi ha tradito per nulla!

Ultima danza, primo bacio
Il tuo tocco, la mia beatitudine
La bellezza viene sempre
Con pensieri oscuri

Vorrei…

Coma cosciente

Avete presente i film dove, chi è in coma, riesce a vedere il proprio corpo fermo, immobile, senza vita, disteso sul letto con tutte le macchine attaccate che lo tengono ancorato nel mondo dei vivi?

Non potete immaginare quanto sia brutto vedere una cosa genere e essere coscienti.

Non che io sia stato in coma e mi sono visto disteso su un letto di ospedale, ma vivere in una condizione dove tu stesso vedevi  di stare con un piede nella fossa, aspettando che l’oscurità inghiottisse gli ultimi barlumi di speranza e di luce, per poi divorarti e condannarti a vivere una vita che non avrebbe mai avuto un senso, credetemi equivale a morire.

Ma la cosa più terrificante di tutte sapete qual è? E’ che in quella condizione io stavo bene. Mi dicevo: vivo una vita passiva, nell’ombra, covando rancore senza mai fare una scelta, seppur sbagliata; chi me lo faceva fare  sconvolgere quell’equilibrio tanto piacevole quanto oscuro?

Si oscuro.

Scusate se insisto con questa parola ma, sapete, ha agito su di me come se fosse un burattinaio, terrificante e maligno, che a piccoli passi mi stava portando verso quel precipizio che, una volta che ti ci trovi dentro, non ti da nemmeno la soddisfazione di porre fine alle tue sofferenze. Cadevi in basso, sempre più in basso, fino a che quell’oscurità non fosse diventata il niente e li, davvero, potevi definirti morto, sia materialmente che spiritualmente.

Ma Dio ha voluto farci il dono di tante cose buone, tante peculiarità umane che permettono, a chi è dotato di un minimo di volontà, di uscire fuori da ogni situazione. Lui ci da sempre una seconda possibilità, non si arrende mai a differenza nostra, e fa di tutto pur di salvarci dai tunnel che, anche volontariamente, imbocchiamo per poi perderci senza via di scampo.

Venne quel giorno dove una Mano Luminosa squarciò quel velo di oscurità che mi faceva tanto comodo, che mi proteggeva da una vita che tutti gli uomini dovrebbero vivere, quella dove non hanno paura di mettersi in gioco e osano sempre, superando di giorno in giorno i loro limiti e essere felici persino dei loro fallimenti, perchè cazzo ci hanno provato! Mi afferrò e mi fece aprire gli occhi su quell’illusione che con tanta abilità mi ero costruito: ero in coma, fermo, con i miei arti attaccati a quel burattinaio che si divertiva a giocare con le mie sofferenze, si nutriva delle mie lacrime e diventava sempre più forte; no…non poteva andare a finire così.

Ho lasciato che quella Mano Luminosa, guidata da quell’Amore vero con cui Dio opera, compiesse il compito per cui era stata mandata: mi sono fidato di Lei, ho aperto gli occhi e ho deciso di seguirla in questo cammino di liberazione, per non permettere più a quel burattinaio di comandare la mia vita!

Dopo mesi di lotte, di lacrime, di piccole sconfittee ma anche di piccole vittorie, mi ritrovo di nuovo qui, nel mondo dei vivi.

Ho fatto delle scelte, mi sono messo in gioco, alcune di essere anche sbagliate, ma non mi pentirò mai di averle intraprese, perchè gli errori mi stanno facendo crescere.

Di fianco a me, però, c’è sempre il burattinaio che con la sua perfidia ancora tenta di rinchiudermi in quella condizione di oblio interminabile, offrendomi di nuovo quella pace oscura di cui non voglio più saperne. 

Ma lui non mi fa più paura, ora ho ciò che mi serve per poter combattere quel demone che albergava dentro di me. Ho scelto di vivere, di gioire, di soffrire, di sottopormi alle regole che la vita vera mi offre, perchè solo così tutto ha un senso.

Non ho più paura del burattinaio, perchè seppure lui continua a camminarmi affianco, dall’altro lato ho ancora quella Mano di Luce pronta a proteggermi, ho il Cielo, l’Amore per me stesso e per gli altri, quello che ho riscoperto grazie a quell’intervento che ancora oggi mi tiene per mano e mi sta facendo scoprire la gioia di vivere intensamente, non curante dei rischi.

Ho vinto la battaglia più importante di tutte: mi sono svegliato dal coma e ora sono vivo.

Partecipiamo al giochino musicale

You can learn lotabout someone from the music they listen to. Hit shuffle on your ipod, phone, itunes, mediaplayer,  etc. and write down the first 20 songs, then pass this on to 10 people.

Ringrazio  questomiomaltrattarmiinsaziabile per avermi pensato in questo bel giochino, catena…quello che è insomma. Raramente mi dedico a questo tipo di cose, ma stavolta mi è piaciuto e lo faccio. La mia playlist è molto variegata quindi capitemi, passerò dalle cose più mosce al metal più estremo, se vi piace bene, se non vi piace arrangiatevi.

1)Robbie Williams - She’s The One - Rappresenta una vecchia ferita cicatrizzata, origine di molte cose.

2)Iron Maiden - The Wicker Man - La mia anima Rock e Metal è nata con questa canzone, avevo solo 15 anni.

3)Linkin Park - In the end - Rappresenta una battaglia che ancora oggi va avanti.

4)Linkin Park - Numb - In Onoris Almagelida

5)Manowar - Call to Arms - "Combatteremo insieme per ciò che è giusto", M.

6)Crom - Wings of Fire - La carica che mi da sta canzone non sono in grado di descriverla.

7)Cradle Of Filth - Nymphetamine - L’oscurità fatta a canzone

8)Children of Bodom - Everytime i dieQuando entri in determinati tunnel e ti sembra impossibile uscire

9)The Offspring - Pretty Fly - Ricordi belli di gioventù

10)Negrita - Rotolando verso sud - Questa canzone mi ricorda la Calabria

11)Iron Maiden - No prayer for the dying - La mia vita in una canzone

12)Mango - La Rondine - Nonostante tutto…un errore che ripeterei sempre.

13)Linkin Park & Depeche Mode - Enjoy the silence - La sconfitta più brutta che ho subito, e l’urlo di quell’angelo che non dimenticherò mai.

14)30 Seconds To Mars - Edge of the Earth - Una Lamborghini Sesto Elemento, una pista…correre contro il mondo intero.

15)ELUVEITIE - Inis Mona - Sta canzone sembra dar voce alla mia rabbia

16)The Zen Circus - Andate tutti a fanculo - Dedica speciale agli stronzi che ci circondano

17)Max Gazzè - Il Solito sesso -  Quello che farei quando mi innamoro di una sconosciuta

18)Creed - Overcome - Gli sparring a JKD, sta canzone mi dava la carica

19) Sonata Arctica - Broken - S&A

20)Depache Mode - Precious -  La pace…

Ora mi tocca nominare qualcuno, lo so che vi rompo le palle, sono cattivo….ehm…ok vi nomino.

1) limoniamezzanotte

2)  alidimiele

3) mocuishlediaries

4) tenshinouta

5) postcardsfromdelirium

6)  sub-dolamented

7) ovettoultravioletto

8) raffahearth

Buon divertimento!

questomiomaltrattarmiinsaziabile:

Ora dovrò vedere Revenge

thepathofhonor:

con la partecipazione di questomiomaltrattarmiinsaziabile

Io: Io ho commesso l’enorme sbaglio di non aver continuato Fringe, Devo rivederlo che non mi ricordo un…un…ecco XD

A: ehehe eh lo so. Se non lo segui è come Revenge. non capisci più niente

Io: Revenge non l’ho mai…

Ahahaahh bonjour, son sempre io!
Comunque, dai. Ti sto facendo fare una cultura cinematografica.
Io c’ho il master!

Mi aspettavo anche qui un COSAAAAAAAAAAAAAAAAAAA NON L’HAI MAI VISTO?????  :D è vero mi sto a fare una cultura, i miei gusti si sono leggermente tinti di rosa 

Ora dovrò vedere Revenge

con la partecipazione di questomiomaltrattarmiinsaziabile

Io: Io ho commesso l’enorme sbaglio di non aver continuato Fringe, Devo rivederlo che non mi ricordo un…un…ecco XD

A: ehehe eh lo so. Se non lo segui è come Revenge. non capisci più niente

Io: Revenge non l’ho mai sentito…COSAAAAAA NON L’HAI MAI VISTOOOO XD

A: Ti devo dire una cosa…è importante

Io: Dimmi…ora ci sono ( preoccupato )

A: COSAAAAAAAA NON L’HAI MAI VISTO?????

Io: Mi hai fatto preoccupare!!! Mannaggia a te XD

A : AHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAAH

La conversazione è terminata con lei che mi ha fregato alla grande e io che dovrò vedere Revenge, pena mi verrà in sogno per torturarmi!!!!

Cose che ti possono succedere in una giornata del cazzo

  1. I soliti lamenti dei tuoi genitori, di prima mattina, che ti ricordano l’umiliazione di fare una specie di tirocinio non retribuito.
  2. Il ramo di un albero si spezza e va a finire sul cofano della macchina di tuo padre sfasciando il vetro.
  3. I tuoi genitori che se la prendono con te dell’incidente alla macchina anche se tu non c’entri una beata minchia.
  4. L’agenzia di lavoro che ti manda, molto gentilmente, il CUD con i tuoi ben 58 euro di soldi guadagnati in anno, e sono felici di dirti che sulla pensione hai accumulato 6 euro. Perfetto! Almeno il cornetto e il cappuccino al bar a 80 anni ( se ci arrivo ) me lo posso permettere.
  5. Ho lo stomaco tappato, ho mangiato solo due mele da stamattina e sto talmente incacchiato che non ho voglia di mangiare, anche se lo stomaco brontola.
  6. Risposte lavorative che dovevano arrivare ma non arrivano.
  7. La tastiera del pc che ha iniziato a dare i numeri.

Esattamente sono le 19:07 di sera e mi aspetto che la cosa peggiorino di ora in ora.

Fortunatamente ho sopportato cose peggiori, ma comunque ti rompono le palle.